diagnosi – ipertensione secondaria

Per diagnosticare l’ipertensione secondaria, il medico in primo luogo prendere una lettura della pressione sanguigna utilizzando un bracciale gonfiabile, così come la pressione sanguigna è misurata durante la nomina di un tipico del medico.

Il medico non può diagnosticare con ipertensione secondaria sulla base di una lettura superiore alle pressione sanguigna normale – si può prendere tre a sei misurazioni ad alta pressione sanguigna a appuntamenti separati per la diagnosi di ipertensione secondaria.

Il medico inoltre di controllare altri marcatori per individuare la causa della pressione sanguigna alta. Queste potrebbero includere

L’ecografia dei reni. Dal momento che molte condizioni renali sono legate a ipertensione secondaria, il medico può ordinare una ecografia dei reni e vasi sanguigni.

In questo test non invasivo, un tecnico verrà eseguito uno strumento chiamato trasduttore sopra la vostra pelle. Il trasduttore, che produce onde sonore, misura quanto le onde sonore rimbalzano i reni e le arterie e invia le immagini create dalle onde sonore a un monitor di un computer.

Elettrocardiogramma (ECG). Se il medico ritiene tuo ipertensione secondaria può essere causato da un problema cardiaco, lui o lei può ordinare un elettrocardiogramma.

In questo test non invasivo, sensori (elettrodi) in grado di rilevare l’attività elettrica del cuore sono attaccati al petto e, a volte per gli arti. Un ECG misura la tempistica e la durata di ogni fase elettrica nel vostro battito cardiaco.